"> ">
TMW Radio
Sconcerti: "Allegri? Ha colpe ma questa Juve non è un granchè. Inter, cambi hanno dato messaggio devastante"
19 set 2022 16:56Calcio

A commentare la giornata di Serie A a TMW Radio, durante Maracanà, è stato il direttore Mario Sconcerti.

Come nasce l'idea della chiacchierata con Allegri?
"Mi meraviglia che sia venuta solo a me. Lo conosco da 20 anni, la squadra è in difficoltà e provo a chiamarlo. Questa intervista che passa per essere uno scoop è in realtà è una telefonata a un vecchio compagno di squadra che gli ha chiesto delle spiegazioni e lui gliele ha date volentieri. Non credevo di causare tutta questa attenzione. Come l'ho sentito? Dispiaciuto ma calmo, faceva un'analisi molto lucida della situazione e amava parlare di calcio. Siamo stati parecchio al telefono, parlando anche di piccoli aspetti tecnici". 

Ha parlato anche di tanti giocatori, come Locatelli:
"Locatelli era il primo centrocampista in una Juve titolare, poi dipende dalle situazioni, magari in un certo periodo è più funzionale lui più di Rabiot".

Che ne pensa del ko con il Monza?
"Ho lasciato Allegri che aveva altri due infortunati. Ho visto una formazione della Juve di Sarri, l'ultimo a vincere. Basta confrontarla con quella di ieri, anche chi aveva in panchina. Credo che la differenza si veda. La vera domanda è cosa è successo alla Juve in questi tre anni, come siamo arrivati a questo punto. Perché c'è la necessità di vendere giocatori, perché fare questa rivoluzione che non è stata azzeccata. E' una Juve virtuale questa".

Le responsabilità di Allegri?
"Tante, l'allenatore ne ha tante. Ma ha perso i giocatori base. La Juve non costruisce in attacco, non filtra a centrocampo. E poi non ha mai potuto contare in pratica su Pogba e Di Maria. Allegri non sta gestendo bene questo gruppo, ma il gruppo non è un granchè".

Come vede l'Inter?
"I cinque cambi credo stiano davvero cambiando il calcio. Quando sostituisci due giocatori al 30' perché ammoniti dai un messaggio alla squadra devastante. La squadra non lo sta convincendo, questo è chiaro. Credo che un allenatore però debba prendersi il rischio di giocare con un ammonito, almeno per una mezz'ora. Il Milan ha perso per questo, per aver messo un esordiente come Dest contro Kvaratskhelia".

Come vede la vittoria del Napoli a San Siro?
"Il Napoli era candidato allo Scudetto anche prima di ieri. Ha fatto una grande partita, ma deve crescere anche il Napoli".