Di Gennaro: "Fiorentina da Europa con Ikoné. Scamacca? Mancini non chiude"

02 Dec 2021 21:40Calcio

L'ex centrocampista Antonio Di Gennaro, opinionista di TMW Radio, ha parlato in diretta a Stadio Aperto: "La Lazio paga una discontinuità secondo me dovuta anche a un problema tattico. Con Inzaghi facevano un certo modulo e oggi ha delle pedine scoperte, come i terzini. Serve il tempo, si sa, ma con questa diversità di prestazioni diventa un problema il progetto".

L'Atalanta può mirare allo Scudetto? "A Bergamo c'è l'eccellenza nei ruoli tecnici e dirigenziali e questa squadra non è più una sorpresa per nessuno. Impossibile non metterli tra i favoriti anche perché sono diventati una squadra più matura, che gestisce e subisce meno".

Per la Roma la Champions rischia di essere un'impresa? "Se dovesse arrivare sarebbe un mezzo miracolo di Mourinho. Il progetto è di tre anni e credo che la società abbia puntato molto sull'allenatore, c'erano però all'inizio esuberi e problematiche economiche. Penso che Mou punti molto alla Conference League, che è un trofeo e porta comunque in Europa. Bisogna vedere cosa arriverà a gennaio, la squadra ha bisogno di rinforzi. Mi sembra che sia entrato però in sintonia col pubblico e non è facile".

Ikoné che acquisto è per la Fiorentina? "Il calciatore è più giovane di Berardi e per me come cifra spesa è giusta. Italiano ha chiesto esterni e credo che sia un primo tassello. Rimane la grana Vlahovic: Commisso farà un ultimo tentativo ma se non dovesse andare in porto, sostituire Vlahovic sarà la cosa più difficile che aspetta la società. Ikone, in ogni caso, entrerebbe in un'intelaiatura che c'è già. Dovesse anche rientrare Castrovilli, questa squadra può lottare per l'Europa".

Scamacca è il prossimo nove dell'Italia? "L'ambiente Sassuolo può aiutare quei giocatori che magari per carattere rischiano di perdersi. Di certo Mancini non ha mai avuto preclusioni per nessuno, neanche per Balotelli a inizio ciclo, e quello di Scamacca è un profilo che sta venendo fuori. Il Sassuolo mi ricorda il mio Verona, o anche l'Atalanta... In prospettiva Scamacca può essere l'attaccante giusto per la Fiorentina".

Come spiegarsi le difficoltà di Cagliari e Genoa? "La classifica del Cagliari non rispetta il valore dell'organico e ogni anno Giulini cambia allenatore perché le ambizioni sono molto alte. Mazzarri ha tre anni di contratto, quindi credo sia l'allenatore del futuro ma se non vinci neanche in casa con la Salernitana, con tutto il rispetto, vuol dire che c'è qualcosa. Non so quanto potranno migliorare l'organico a gennaio, davanti hanno già Pavoletti, Keita e Joao Pedro... Al Genoa invece dovranno cambiare, oggi c'è un 3-5-2 piatto. Di Shevchenko ho un ricordo bellissimo ma per una squadra che deve salvarsi, chiamare un selezionatore non è facile. Devono recuperare proposta di calcio".

Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy